IL PATRIMONIO STORICO-AMBIENTALE
Associazione culturale

MINIERA DEL RUGÈT E DINTORNI (GRAVERE, TO)

 

 

PROGRAMMA DI RICERCA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO
STORICO-AMBIENTALE
DI GRAVERE (TORINO)

Oggetto principale del programma è la miniera di età medievale e moderna del Rugèt, situata a pochi metri dalla strada provinciale che da Susa porta alla Madonna della Losa e alla stazione turistica del Frais (Chiomonte).
Il programma prevede la valorizzazione turistico-culturale del sito, che sarà reso parzialmente visitabile e sarà inoltre inserito in un circuito di visita di beni storico-ambientali esistenti sul territorio comunale, distribuiti in un raggio ristretto rispetto alla miniera e appartenenti alle varie epoche in cui essa è stata sottoposta a sfruttamento.
Saranno inoltre realizzati strumenti divulgativi e didattici (pieghevoli, opuscoli, laboratori) e animazioni multimediali volte a permettere la visita virtuale dell’intera miniera, usufruibili anche dai disabili motorii, da chi non se la sente di compiere una visita in sotterraneo e dai partecipanti alle attività didattiche. Gli accompagnatori saranno guide turistiche o escursionistiche ambientali a cui sarà stato tenuto un apposito corso di formazione a tematica archeo-mineraria.
Le informazioni che saranno offerte al pubblico deriveranno da ricerche e studi storico-ambientali professionali.

Il programma «Miniera del Rugèt e dintorni», nato da un'idea di Maurizio Rossi e Anna Gattiglia, è sviluppato da Il Patrimonio Storico-Ambientale con la collaborazione scientifica della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la Città Metropolitana di Torino (Federico Barello), del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università degli Studi di Torino (Piergiorgio Rossetti e Daniele Castelli), del Dipartimento di Studi Storici dell'Università degli Studi di Torino (Paolo de Vingo), del Centro Ricerche Cultura Alpina di Torino (Luca Patria), del Musée des Mines de l'Argentière (Bruno Ancel), di Gilberto Artioli (Dipartimentodi Geoscienze - Centro CIRCe dell'Università degli Studi di Padova), Marie-Christine Bailly-Maître (Directrice émérite au CNRS, Laboratoire d'Archéologie Médiévale et Moderne en Méditerranée, Unité Mixte de Recherche 7298) e Gianfranco Fioraso (CNR - Istituto di Geoscienze e Georisorse, Torino).

  Uno dei traverso-banchi della miniera del Rugèt. L'operazione si propone quale progetto pilota destinato a fungere da modello per un ampliamento su scala regionale e transfrontaliera (in collegamento con i siti francesi di L’Argentière-la Bessée nelle Hautes-Alpes, Vallauria a Tenda nelle Alpes-Maritimes e Brandes-en-Oisans nell’Isère) delle esperienze di valorizzazione del patrimonio archeo-minerario già sperimentate con successo in alta val Sessera a partire dal 2005. Le attività di valorizzazione si svolgono con il sostegno della Compagnia di San Paolo.

 

http://www.beniarchitettonicipiemonte.it/sbappto/

http://www.dst.unito.it/do/home.pl http://www.dipstudistorici.unito.it/do/home.pl http://www.culturealpine.eu/ http://www.compagniadisanpaolo.it http://comune.gravere.to.it/it-it/home https://www.parchialpicozie.it http://www.aipsam.org/  


Il Patrimonio Storico-Ambientale
            aipsam(et)aipsam.org            (+ 39) 338-61.84.408            C.F. e P. IVA 11464590014